Gli appartamenti situati appena sotto il tetto sono sempre visti come spazi con un grande potenziale. È anche impossibile negare loro il fascino. Dopotutto, un luogo che ha delle smussature può essere organizzato in molti modi interessanti. Non dobbiamo però dimenticare che si tratta di stanze che non possono fare a meno di soluzioni tecniche specifiche. Quindi, quando si vive in soffitta, possiamo pensare a installazione di un caminoe se sì, a quale modello dobbiamo prestare particolare attenzione? Come prepararsi per i lavori di ristrutturazione?

Riscaldamento della soffitta - questioni tecniche

I caminetti sono soluzioni ben note. Tuttavia, è difficile non essere d'accordo con il fatto che di solito sono associati a grandi saloni, di solito situati al piano terra. Non c'è da stupirsi che il solo fatto di menzionare un caminetto situato in soffitta possa causare una grande sorpresa. E' difficile non sfuggire alla domanda se intendiamo davvero una buona soluzione. Si scopre che le questioni tecniche sono di fondamentale importanza nel suo caso, compresi soprattutto i parametri dell'edificio stesso. La più importante è la forza del soffitto. Non può essere altrimenti, poiché ci si aspetta che mantenga un dispositivo pesante insieme all'involucro e ai vari elementi costruttivi. Quando abbiamo a che fare con elementi di grandi dimensioni, il loro peso può essere anche di diverse centinaia di chilogrammi. Non c'è da stupirsi che sia consigliabile consultare un costruttore specializzato prima di iniziare i lavori. Una persona di questo tipo non solo è in grado di analizzare le planimetrie dell'edificio, ma anche di rispondere alla domanda sulle sue possibilità. Può anche emettere un'adeguata perizia. Non va inoltre dimenticato che un'idea di questo tipo dovrebbe essere suggerita già in fase di progettazione dell'edificio. Quindi il modo più semplice per avere un caminetto in soffitta è quando, come persone che costruiscono solo una casa, abbiamo mano libera. La resistenza del pavimento non è l'unico parametro su cui dobbiamo concentrarci. È anche importante che il giusto condotto del fumo ci aiuti. La sua lunghezza è di fondamentale importanza, ma si presume che debba essere di almeno 2 metri dall'ingresso all'uscita. Succede che la stessa inclinazione del tetto sia troppo piccola, il che genera ulteriori problemi.

Dove installare il caminetto in soffitta?

Quando si pensa a un caminetto in soffitta, bisogna anche ricordare quanto sia importante collocarlo nel posto giusto. Le considerazioni pratiche sono importanti in questo caso, e sono incomparabilmente più importanti delle qualità visive. Non c'è da stupirsi che l'opzione migliore sembra essere quella di posizionare il caminetto vicino al camino. Ciò consente un collegamento relativamente semplice di tale dispositivo. Inoltre, è necessario ricordare l'importanza della sicurezza della casa, quindi non si tratta di localizzare un tale dispositivo né con l'impianto elettrico né con l'impianto idraulico o a gas.

Alla ricerca di un'alternativa

Quando si scopre che siamo impotenti in relazione a questioni tecniche, nulla ci impedisce di cercare un'altra soluzione alternativa. Un caminetto autoportante, noto per non dover avere un rivestimento speciale, può essere una buona soluzione in questo caso. La capra è in grado di adattarsi al design moderno, ma anche trovare un modello più classico non dovrebbe essere un problema. In entrambi i casi si tratta di una soluzione non solo funzionale, ma anche semplice nell'uso, che la rende ideale quando non si ha voglia di una conversione speciale del proprio appartamento. Chi non riesce a pensare a un caminetto classico può pensare anche a un biocamino, una soluzione ideale anche per i residenti del blocco.